Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Struttura | Struttura di missione per le procedure d'infrazione alla normativa UE

Struttura di missione per le procedure d'infrazione alla normativa UE

2 aprile 2015Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Coordinatore: Massimo Condinanzi
Numero risorse umane assegnate: 13

Con DPCM 24 marzo 2014 è stata confermata anche per il 2014 presso il Dipartimento Politiche Europee una Struttura di missione istituita con DPCM del 28 luglio 2006 con i compiti di prevenire l’insorgere del contenzioso UE e di rafforzare il coordinamento delle attività volte alla risoluzione delle procedure d’infrazione alle normative dell'Unione Europea.

Per quanto riguarda il primo dei due aspetti, la Struttura si propone un intervento il più possibile anticipato, perfino anteriore all’apertura formale delle procedure, operando per garantire il tempestivo recepimento del diritto europeo e attivandosi presso la Commissione europea già in fase di reclamo.

In relazione al secondo profilo, la Struttura svolge una funzione di assistenza e di coordinamento delle Amministrazioni nazionali e di cura dei rapporti con la Commissione europea. In questo modo, contribuisce alla risoluzione delle procedure d'infrazione e alla complessiva riduzione dell’incidenza del contenzioso europeo, obiettivi che costituiscono una delle priorità della politica europea del Governo.

La Struttura di missione ha impresso un nuovo impulso alla gestione delle procedure d'infrazione, rendendo più ordinato ed agevole il dialogo con la Commissione europea. Sul versante interno, la Struttura di missione mira ad assicurare un miglior coordinamento della posizione da presentare alla Commissione in risposta alle richieste di informazioni, alle lettere di messa in mora e ai pareri motivati, tramite la convocazione sistematica di riunioni con le amministrazioni interessate.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati