Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Sottosegretario | Post di Gozi | Servizio civile europeo...

Servizio civile europeo, l'Europa dalla parte dei giovani

  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

L'Europa che vogliamo è un'Europa che moltiplica le opportunità anziché i vincoli, che fa autocritica sugli errori commessi ma che valorizza le esperienze positive di cittadinanza europea di cui abbiamo parlato a maggio in occasione dei festeggiamenti dei trent'anni di Erasmus.

Proprio perché siamo convinti dell'importanza dei programmi di mobilità e di volontariato europei abbiamo proposto di moltiplicare per dieci le risorse investite che oggi sono solo l'1,3% del bilancio europeo. Dobbiamo ampliare i programmi di mobilità guardando agli esclusi: per questo con Ivo4all abbiamo puntato ad un allargamento del numero dei partecipanti, ma soprattutto ad una maggiore inclusione sociale. Perchè l'Europa delle opportunità deve essere per tutti, for all, come nel nome del progetto.

L'ho ricordato oggi intervenendo a Roma all'evento nazionale conclusivo del progetto europeo 'Ivo4all' promosso dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Risale al semestre di presidenza italiana dell'Unione Europea il nostro impegno nel servizio civile europeo. Per il governo italiano rappresentò fin da allora una delle grandi priorità di un'Europa che sta dalla parte dei giovani. Ora, siamo pronti a proporre al resto d'Europa di lavorare sempre più in questa direzione.

E lo dimostra anche la nascita del corpo di solidarietà europeo, figlio delle proposte dell'Italia di individuare nel volontariato, nella solidarietà, nell'impegno civico giovanile la chiave per costruire l'Europa dei diritti. Ora, dobbiamo istituire un anno di volontariato europeo per tutti, come diceva già nel 2012, in piena contrattazione del fiscal compact, Ulrich Beck.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati