Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Sottosegretario | Consiglio Affari generali, 15 novembre 2016

Consiglio Affari generali, 15 novembre 2016

15 novembre 2016Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Il Consiglio Affari generali dell'Unione Europea (CAG) si è riunito il 15 e 16 novembre 2016 a Bruxelles, meeting preparatorio del Consiglio europeo di dicembre con al centro dei lavori soprattutto la revisione intermedia del quadro finanziario pluriennale 2014-2020.

Il Consiglio ha espresso un ampio sostegno all'ultima proposta della presidenza slovacca sulla revisione intermedia del quadro di bilancio pluriennale.  La proposta della presidenza prevede un sostegno finanziario più elevato per aiutare l'UE ad affrontare le sfide attuali. Una maggiore flessibilità di bilancio consentirebbe all'UE di far fronte più efficacemente e rapidamente a eventi imprevisti. Le modifiche proposte contribuirebbero inoltre a evitare un eccessivo accumulo di fatture non pagate.

Su tale proposta, l'Italia ha presentato una riserva e non ha dato il suo accordo. "Noi eravamo pronti ad approvare la proposta iniziale della Commissione europea - ha spiegato il Sottosegretario Gozi, a conclusione del Consiglio - perché quella metteva sicuramente risorse. L'Europa in questi mesi ha parlato di sicurezza, di immigrazione, di fare di più per la disoccupazione giovanile, di diventare meno tecnocratica ed essere capace di rispondere meglio alle esigenze politiche dei cittadini. Noi auspichiamo che la nostra opposizione a questa revisione spinga la UE ad essere più coerente, a livello di risorse, con queste
priorità. Parlare di priorità politiche senza metterci risorse adeguate diventa un esercizio che noi non possiamo più continuare a sostenere". (fonte: Consiglio europeo e agenzie di stampa)


Per saperne di più:
Principali risultati del Consiglio
Dichiarazioni del Sottosegretario Gozi [video]



 

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati