Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Sottosegretario | Post di Gozi | Brexit Londra resti...

Brexit, Londra resti capitale aperta e accogliente

7 ottobre 2016Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Se il mercato unico non viene messo in discussione, allora restano in piedi quattro libertà fondamentali e non tre: circolazione di persone, beni, servizi, capitali. Se ne escludiamo di default una, dobbiamo ripartire da zero e sta ai britannici la prossima mossa.

Spero che la proposta del Ministro dell'Interno, Amber Rudd, a proposito dei dipendenti stranieri a Londra sia solo retorica legata al clima politico: è stata quantomeno una formula infelice. Per fortuna dall'incontro di oggi con il Ministro per la Brexit, David Jones, il Governo britannico si è detto ancora pronto ad ascoltare, in attesa di prendere una decisione. Il clima è quello auspicato e possiamo essere rassicurati dall'atteggiamento dimostrato e dalle parole costruttive e concilianti usate. Stiamo lavorando affinché il negoziato vada verso un'apertura al mondo come nella tradizione britannica.

Di lavoro e modelli di integrazione ho parlato poi con il sindaco di Londra, Sadiq Kahn. Tra noi c'è stata piena intesa sul fatto che Londra debba continuare a giocare il ruolo che ha: una capitale aperta, accogliente, consapevole che il suo successo derivi anche dalla presenza europea, internazionale e italiana.

Khan è nostro interlocutore privilegiato per gestire al meglio il rapporto con Londra post Brexit. Una giornata fitta di appuntamenti istituzionali quella di oggi durante la quale ho incontrato e discusso, in mattinata, di riforme e di nuove politiche del digitale nell'UE e nel Regno Unito con il Ministro per la Proprietà intellettuale, Lucy Neville-Rolfe.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati