Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Sottosegretario | Post di Gozi | Italia protagonista dello...

Italia protagonista dello sviluppo dell'area Adriatico-Ionica

17 giugno 2016Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

La Macroregione Adriatico-Ionica è una grande realtà. Con i suoi 70 milioni di persone rappresenta per bacino demografico, il secondo Stato membro dell'Unione Europea subito dopo la Germania. Noi italiani abbiamo una leadership in questa aerea e dobbiamo esercitarla, dobbiamo essere protagonisti di una nuova politica integrata dell'Adriatico e nello Jonio. L'ho spiegato in un video messaggio inviato al Forum "Eusair, Strategia per la Macroregione Adriatica e Ionica", organizzato oggi a Lecce.da Italia Camp e dall'Ufficio d'Informazione in Italia del Parlamento europeo.

Bisogna mettere insieme le forze, le risorse, le volontà politiche, per fare dell'Adriatico e dello Ionio una grande storia di successo, come ho sottolineato nel video messaggio. Io ci credo fortemente, ma questo richiede volontà da parte di tutto il sistema Italia, deve lavorare insieme. Ne abbiamo parlato spesso con i parlamentari europei nelle riunioni che facciamo ogni mese a Strasburgo e Bruxelles proprio due giorni fa con la delegazione italiana del comitato delle Regioni.

Bisognare sapere però giocare in squadra per creare scelte politiche che abbiano un impatto. Per questo abbiamo creato sotto la mia presidenza una cabina di regia per far lavorare insieme le Regioni e le amministrazioni centrali, sviluppando quella che io chiamo 'la dimensione adriatica e ionica' nelle scelte di strategia politica dei prossimi anni sia soprattutto le scelte di programmazione finanziaria e come mettere le risorse che ci sono a servizio del successo di questa strategia.

Dobbiamo fare vedere che facciamo sul serio. Solo così potremo convincere potenziali investitori a scommettere su questa grande area. Tra le priorità dei temi su cui lavorare, il 'turismo sostenibile', con la creazione di un marchio di qualità, e le infrastrutture, riducendo l'attuale frammentazione e collegando meglio il "lago Adriatico", puntando sulla cultura e l'economia del mare.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati