Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Sottosegretario | Consiglio Affari generali, 10 febbraio 2015

Consiglio Affari generali, 10 febbraio 2015

  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Il Consiglio europeo ha discusso, alla luce dei tragici eventi di Parigi, di lotta al terrorismo e sono state valutate le azioni intraprese finora e le prospettive future. Ha quindi approvato un accordo con il Parlamento europeo sulle nuove norme per prevenire il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo.

Nel contrasto al terrorismo la UE punta a "rafforzare Schengen sulle frontiere esterne ma con le regole
esistenti", ha spiegato a margine del Consiglio il sottosegretario agli Affari europei, Sandro
Gozi
. Sul fronte della sicurezza nel Consiglio Affari generali è emersa "la volontà di trovare un accordo rapidamente" sulla direttiva Pnr, che punta a costituire un database con i dati dei passeggeri delle compagnie aeree, e "sull'aumento dello scambio di informazioni fra i servizi di intelligence" dei diversi Stati membri, un tema sollevato anche dall'Italia, ha spiegato Gozi.

Il Consiglio ha inoltre discusso una revisione del quadro finanziario pluriennale (QFP) per il periodo 2014-2020. Obiettivo della revisione è consentire all'UE di trasferire 21,1 miliardi di EUR di impegni inutilizzati dal 2014 agli esercizi successivi. Tali impegni sono rimasti inutilizzati nel 2014 a causa dell’adozione tardiva dei programmi dell'UE gestiti congiuntamente dalla Commissione e dagli Stati membri.

Il Consiglio ha quindi adottato le conclusioni che accolgono con favore il programma di lavoro della Commissione per il 2015 in cui si definiscono una serie di iniziative prioritarie che riflettono ampiamente l’agenda strategica adottata dal Consiglio europeo nel giugno 2014.

Nel corso di una colazione di lavoro con il vicepresidente della Commissione Timmermans, i ministri hanno espresso preoccupazione per l'intenzione della Commissione di ritirare le proposte sui rifiuti e sulla qualità dell'aria. La presidenza si è dimostrata disponibile a proseguire i lavori su entrambe le proposte.


Per saperne di più:
Comunicato stampa del Consiglio dell'UE

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati