Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Newsletter | La Strategia Adriatico Ionica all'esame del Ciae

La Strategia Adriatico Ionica all'esame del Ciae

21 gennaio 2015Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

La Strategia Adriatico Ionica è stata al centro dei lavori del Comitato interministeriale per gli Affari Europei, vertice che concorda la posizione italiana nella fase di predisposizione degli atti dell'Unione Europea, nella riunione del 19 gennaio 2015.

Alla vigilia del primo incontro del governing board (vedi nota a fondo pagina) che si terrà ad Ancona il 22 e il 23 gennaio, si è sottolineata l'importanza della Strategia sotto molteplici punti di vista. In primo luogo, per l'attenzione con cui l'Italia guarda tradizionalmente ai Balcani occidentali. Ma anche in considerazione dei progetti di interconnessione delle infrastrutture energetiche che rappresentano una concreta tappa verso quell'Unione per l'energia, terza area prioritaria dell'agenda strategica europea così come definita al Consiglio europeo dello scorso mese di giugno. Infine, la Strategia rappresenta un'opportunità per una Europa più aperta e capace di accogliere e favorire gli scambi economici e di intelligenze in una logica sempre più inclusiva.

In tal senso, il Sottosegretario agli Affari Europei, Sando Gozi, ha ricordato nel corso della riunione "il rilievo politico che la Strategia ha per l'Italia", al punto che esso ha rappresentato un obiettivo perseguito con decisione nel corso del Semestre italiano di Presidenza dell'Unione Europea.

Gozi ha inoltre sottolineato come "si sia giunti ad un momento decisivo per iniziare a definire le concrete tappe di implementazione della Strategia in una logica di collaborazione ai diversi livelli di governo coinvolti". In particolare, sulle politiche relative ai quattro pilastri prioritari di intervento (pesca e blue economy; interconnetività infrastrutturale ed energetica; ambiente; attrattività turistica e culturale) e la loro declinazione concreta in progetti strategici.

I temi della macroregione sono stati al centro della conferenza "Strategia Adriatico-Ionica: un ponte per l'Europa", organizzata nell'ambito del Semestre di Presidenza italiana dell'Unione Europea a Rimini il 10 dicembre 2014, che ha riunito tutti i soggetti, istituzionali e non, che hanno e avranno un ruolo decisivo nel lo sviluppo del progetto: amministrazioni nazionali, regioni, organismi europei, rappresentanti degli altri Paesi, Camere di commercio, università ed enti.

  

Nota sul governing board

Il governing board è un organismo di indirizzo per l'attuazione della Strategia macroregionale Adriatico Ionica. È stato istituito in occasione della conferenza di lancio della Strategia del 18 novembre 2014, a Bruxelles, nell'ambito dell'evento Eusair, promosso dalla Presidenza italiana del Consiglio dell'Unione Europea. Nell'occasione, era stato adottato un documento di governance che prevede l'istituzione del governing board.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati