Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Notizie | "Pacchetto merci" autorità...

"Pacchetto merci", autorità italiane incontrano Commissione europea

12 gennaio 2018Parole chiave: , ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

12 gennaio 2018%3A incontro con direttore UE de Almeida%2CIl Dipartimento per le Politiche Europee, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico, ha organizzato oggi un incontro con Joaquim Nunes de Almeida, Direttore dell'Ufficio Politica del mercato unico, regolazione e attuazione (Direzione generale del Mercato interno, dell'industria, dell'imprenditoria e delle PMI) della Commissione europea (nella foto, con il Capo Dipartimento per le Politiche Europee, Diana Agosti)

De Almeida ha illustrato il "Pacchetto merci" ("Goods package") presentato dalla Commissione UE lo scorso 20 dicembre. Alla presentazione è seguito un primo scambio di opinioni con le autorità italiane in vista del negoziato che sarà avviato nei prossimi giorni dalla Presidenza bulgara del Consiglio dell'Unione Europea.

Il "Pacchetto merci" propone un insieme di interventi per facilitare le imprese attraverso la riduzione di oneri e ostacoli amministrativi alla libera circolazione dei prodotti e per tutelare i cittadini da prodotti non sicuri grazie a controlli più efficaci.

Gli interventi intendono rafforzare il mercato unico che celebra quest’anno il suo 25° anniversario e che rappresenta uno dei maggiori successi dell’Europa per le enormi opportunità che offre a cittadini e imprese. Tali opportunità tuttavia non sempre si concretizzano perché le regole non sono note, non vengono attuate o semplicemente sono penalizzate da barriere ingiustificate.

Il Pacchetto si compone di una Comunicazione dal titolo "Rafforzare la fiducia nel mercato unico" e di due proposte di Regolamento: una in materia di reciproco riconoscimento delle merci, l'altro sulla applicazione della normativa di armonizzazione sui prodotti.

Il principio del 'reciproco riconoscimento' garantisce che i prodotti che non sono soggetti a una regolamentazione a livello europeo possano, in linea di principio, circolare liberamente all'interno del mercato unico se sono legalmente commercializzati in uno Stato membro. Questo principio dovrebbe consentire alle imprese di vendere i loro prodotti in Europa senza sottostare ad altre prescrizioni, ma nella pratica resistono ostacoli, ritardi e costi supplementari. Il nuovo Regolamento introduce norme più chiare e procedure più rapide per imprese e amministrazioni.

La proposta di regolamento sull'applicazione della normativa di armonizzazione sui prodotti ha l’obiettivo di rafforzare l'applicazione delle norme comuni di sicurezza dell'UE, rassicurando i consumatori sul fatto che i beni acquistati (online od offline) siano sicuri sia per la loro salute che per l'ambiente e proteggendo le imprese dalla concorrenza sleale.


Per saperne di più:
Scheda di approfondimento [.pdf - 142 Kbyte]

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati