Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Comunicati stampa | WE_WelcomeEurope Fedeli e...

WE_WelcomeEurope, Fedeli e Gozi hanno premiato i vincitori del concorso

  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

19 maggio 2017%2C Roma%3A Premiazione concorso WE_WelcomeEuropeL'Europa vista dai giovani attraverso foto e video. Centinaia di studentesse e studenti italiani, le loro idee, il linguaggio multimediale per raccontare l'Europa, la sua storia e il suo futuro. Tutto questo è "WE_WelcomeEurope: speranze e idee per l'Unione del futuro", il concorso di idee rivolto alle scuole secondarie di I e II grado italiane, promosso in occasione del 60° anniversario dei Trattati di Roma, che oggi ha visto a Palazzo Chigi la Ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, e il Sottosegretario alle Politiche e agli Affari europei, Sandro Gozi, premiare le giovani vincitrici e i giovani vincitori.

Al concorso, promosso da Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e dal Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno partecipato circa 200 istituti scolastici italiani che hanno presentato oltre 250 progetti tra video (70%) e album fotografici (30%) per raccontare la loro visione di Europa. Alle studentesse e agli studenti è stato infatti chiesto di realizzare un video o un album fotografico capace di raccontare i punti di forza dell'Europa di oggi, per immaginare e costruire l'Europa del domani.

"La scuola deve sostenere le giovani e i giovani a rafforzare la loro conoscenza e la loro consapevolezza di cittadinanza europea, intesa come appartenenza ad una cultura, a valori, a una storia e ad un percorso comuni -  ha sottolineato la Ministra Valeria Fedeli - Lo può fare attraverso concorsi come questo, con attività didattiche specifiche, con scambi e gemellaggi all'estero. I finanziamenti che stiamo mettendo in campo come Ministero vanno proprio in questa direzione. Alle ragazze e ai ragazzi dobbiamo consentire di essere protagonisti dell'Europa che verrà, di prendere parte in modo attivo e con consapevolezza al dibattito sul suo futuro".

"Col concorso - ha spiegato il Sottosegretario Sandro Gozi - abbiamo chiesto agli studenti cosa farebbero e da cosa partirebbero se dovessero oggi creare per la prima volta l'Unione Europea: quali valori, quali bisogni, quali obiettivi comuni? Cosa non rifare? Cosa fare diversamente? E abbiamo chiesto agli studenti di ripensare l'Europa con il loro linguaggio, la multimedialità, la creatività tipica dei giovani. Le loro indicazioni sono molto importanti perché ci dimostrano che l'Europa fa parte della loro quotidianità. I giovani puntano sull'Europa, ma l'Europa deve puntare di più sui giovani. E' per questo che abbiamo proposto di moltiplicare per dieci il bilancio dell'Erasmus, è per questo che vogliamo moltiplicare per dieci l'Europa migliore, l'Europa delle opportunità".
 
I vincitori del concorso sono risultati.
Per la scuola secondaria di I grado, vincitore della categoria video è l'Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova, classe 2°D con "Idee volanti"; vincitori a pari merito della categoria album fotografico l'Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci di Roma, classe 3°B con "Obiettivo Europa" e l'Istituto Comprensivo Virgilio di Roma, Sezione Ospedaliera Bambino Gesù con "Abbattiamo Muri costruiamo Ponti".
 
Per la scuola secondaria di II grado, vincitori a pari merito della categoria l'Istituto Istruzione Superiore Denina di Saluzzo, sezione Rivoira di Verzuolo provincia di Cuneo, classi 5 A e 5 B + studente Liceo Bodoni di Saluzzo con "Senza confini" e l'Istituto Tecnico Statale Pietro Branchina di Adrano (Catania), classe 5° B, Turismo B con "Una giornata agli studenti dedicata".


I video e gli album fotografici vincitori del concorso 

Le foto della premiazione

Rassegna stampa video dell'evento

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati