Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Notizie | 112 Giornata europea...

112, Giornata europea del Numero unico per le emergenze

11 febbraio 2017Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

L'applicazione Where Are UL'11 febbraio è la Giornata europea del 112 (uno-uno-due), il numero unico per le emergenze. Da quando è stata introdotta nel 1991 la legislazione UE, i cittadini europei possono comporre il numero unico in ogni Paese dell'Unione nel caso in cui debbano ricorrere a servizi di emergenza. Ogni anno, si registrano in media 255 milioni di chiamate di emergenza da telefonia mobile.

In Italia il numero unico per le emergenze è attivabile anche grazie a "Where Are U", l'app ufficiale che consente di chiamare la Centrale operativa ed inviare direttamente la propria posizione.

Nel 2017, il tema centrale sarà "come usare i social media nelle emergenze". Lo scorso anno il nostro Paese, è stata protagonista di tante emergenze. Fra tutte, le più gravi, i terremoti che hanno colpito il centro Italia. In queste situazioni i social network si sono dimostrati utili per la rapida diffusione delle notizie e spesso hanno consentito di allertare i soccorritori o di tranquillizzare i propri cari con un click. Un utilizzo consapevole e sano del web e delle sue potenzialità può quindi aiutare anche nelle emergenze.

In Italia il 112 (uno-uno-due) è attivo in Lombardia e nel Lazio (per le zone coperte dalla numerazione 06). Ma dalla prossima primavera il servizio coprirà anche le regioni del Friuli Venezia Giulia, la Liguria e la province di Aosta, Cuneo e Torino. Le altre Regioni italiane stanno lavorando per poter passare quanto prima al numero Unico. Nel frattempo, in tutte le Regioni i numeri 112, 113, 115 e 118 restano comunque attivi.


Per saperne di più:
Comunicato stampa del Ministero dell'Interno
Il 112 sul sito dell'Unione Europea [EN]

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati