Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Comunicati stampa | Immigrati Gozi: procedura...

Immigrati, Gozi: procedura contro l'Italia risposta sbagliata

10 dicembre 2015Parole chiave: , ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

"Se l'Europa vuole fare la differenza per i cittadini, deve saper rispondere in modo efficace e politico ai grandi nuovi momenti di cambiamento come la sfida dei rifugiati e della sicurezza. Non c'è risposta efficace europea senza presa di responsabilità europea. L'Europa deve assumersi la propria responsabilità sostenendo i paesi che sono in prima linea nella gestione della crisi dei profughi da tempo a partire dall'Italia. L'apertura di una procedura di infrazione sulle identificazioni alla luce dei grandi sforzi che stiamo compiendo non è certo la risposta che ci aspettiamo dall'Europa. Se c'è una risposta sbagliata è quella di colpire chi da mesi è in prima linea nel gestire la crisi dei rifugiati assumendo responsabilità che sono anche dell'Europa".

Così il Sottosegretario agli Affari Europei, Sandro Gozi, a margine dell'incontro promosso oggi dal gruppo S&D al Parlamento europeo a Bruxelles per parlare di crisi economica e riforma dell'Unione economica e monetaria con Moscovici, Dijsselbloem e Coeuré.

"La risposta - ha aggiunto Sandro Gozi - non è una formalistica apertura di una procedura di infrazione. Oggi la soluzione non è applicare in modo miope e rigido le regole comuni nei confronti di chi ha fatto molto più e molto meglio di altri. La questione è applicare senza perdere più tempo quell'accordo sulla ridistribuzione dei rifugiati che è la risposta che tutti i governi (che sono tutti ugualmente vincolati da quest'accordo) dovrebbero dare e che ancora non hanno dato".

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati