Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Notizie | Legge di delegazione...

Legge di delegazione europea 2014, approvazione definitiva

2 luglio 2015Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

La Camera ha approvato in via definitiva la legge che conferisce al governo la delega per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione Europea (Legge di delegazione europea 2014). Il provvedimento era stato già approvato dal Senato il 14 maggio scorso.

"Approvata la legge di delegazione europea a @Montecitorio Grazie a tutti i deputati per il ritmo e l'impegno: avanti così!", è il primo commento del Sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, affidato a Twitter.

Rispetto al testo governativo, il disegno di legge ha subito vari interventi grazie ai quali sono state inserite ulteriori deleghe per l'attuazione di atti dell'Unione Europea.

Occorre sottolineare che il numero delle procedure a carico del nostro Paese per mancata attuazione di direttive è gradualmente diminuito e l'approvazione di questo provvedimento contribuirà a migliorare questo calo.

Il provvedimento recepisce numerose direttive. Tra le altre si ricordano le direttive sulla:

  • sicurezza degli organi umani destinati ai trapianti; 
  • ordine europeo di indagine penale;
  • restituzione dei beni culturali usciti illecitamente dal territorio di uno Stato membro;
  • fatturazione elettronica degli appalti pubblici;
  • risarcimento del danno per violazione delle disposizioni antitrust;
  • scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale;
  • possibilità per gli Stati membri di limitare;
  • vietare la coltivazione di organismi geneticamente modificati sul loro territorio.

Queste direttive intervengono in modo significativo sui mercati bancari e finanziari, con la finalità di creare un quadro organico di regolamentazione.

Da sottolineare, inoltre, le nove deleghe per l'attuazione delle decisioni quadro, che, terminato il periodo transitorio previsto dal Trattato di Lisbona, devono essere recepite in modo obbligatorio.


Per saperne di più:
Approfondimento sulle Leggi Europee 2014

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati