Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Notizie | Lotta alle frodi...

Lotta alle frodi, pubblicata la Relazione annuale

24 luglio 2013Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

La Commissione europea ha pubblicato la "Relazione annuale" sulla tutela degli interessi finanziari dell'Unione relativa all'anno 2012.

Dalla relazione emerge come nel 2012 le frodi ai danni del bilancio dell'UE sono lievemente aumentate rispetto al 2011. Sul fronte della spesa, le frodi hanno interessato in totale 315 milioni di euro di fondi UE, pari allo 0,25% del bilancio di spesa, contro 295 milioni di euro l'anno precedente. Un aumento dovuto quasi esclusivamente a due casi di frode a danno dei fondi preadesione, che riguardano importi molto consistenti. Sul fronte delle entrate di bilancio, le frodi presunte o accertate sono ammontate a 77,6 milioni di euro, pari allo 0,42% delle risorse proprie tradizionali riscosse complessivamente per il 2012, contro 109 milioni di euro l'anno precedente.

La relazione esamina inoltre le misure adottate nel 2012 dagli Stati membri per proteggere il bilancio dell'UE e prende atto dei buoni risultati ottenuti in alcuni settori.

In tal ambito, dal documento emerge il "ruolo di riferimento" assunto dall'Italia nella "lotta antifrode" grazie a un sistema di controlli tra i più virtuosi, efficaci ed efficienti dell'Unione. Lo testimoniano i circa mille casi di irregolarità/frode scoperti in Italia nel 2012.

In passato, la Commissione ha più volte sottolineato come i dati sulle frodi non possono in alcun modo determinare graduatorie in termini negativi tra gli Stati membri. Come dimostra proprio il 'caso Italia', un più elevato numero di casi segnalati da un Paese testimonia un efficiente ed efficace sistema di contrasto e rilevazione delle frodi e non necessariamente un più alto livello di frodi perpetrate.

A tal proposito, la relazione 2012 contiene un importante elemento di novità sollecitato proprio dal Comitato nazionale lotta antifrode italiano. Si tratta di una prima elaborazione di specifiche 'schede Paese' che permettono una più corretta valutazione delle strutture antifrode in possesso degli Stati membri e, quindi, dei differenti risultati in termini di performance.


Per saperne di più:
Relazione 2012 sul sito dell'OLAF [EN]
La lotta alle frodi UE sul sito del Dipartimento

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati