Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | FISE 2013 per l'Anno europeo dei cittadini

FISE 2013 per l'Anno europeo dei cittadini

  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Sei inserti usciti in alcune delle testate più diffuse nel Sud Italia per aiutare la comprensione e favorire la sensibilizzazione sui temi dell'Anno europeo dei cittadini.

FISE 2013 - Corriere del MezzogiornoE' il risultato della prima "uscita" dell'edizione 2013 di Finestra sull'Europa, il progetto ideato dall'Università di Perugia e promosso da Parlamento europeo, Commissione europea, Dipartimento per le Politiche Europee, insieme con il Ministero degli Affari Esteri, che coinvolge cinque importanti atenei italiani: le università della Calabria, di Foggia, di Catania, di Bari e di Napoli "l'Orientale".

Tre inserti previsti tra gennaio e maggio 2013 e una conferenza finale per presentare i risultati del progetto. Finestra sull'Europa è una formula efficace per coniugare pratica giornalistica e comunicazione ai cittadini su tematiche europee grazie alla collaborazione di testate locali ad ampia diffusione. Per il primo inserto 2013, sono state coinvolte Gazzetta del Sud, Corriere del Mezzogiorno, La Sicilia, EPolis Bari, Calabria Ora, Ateneapoli.

Gli inserti sono stati l'occasione per parlare dell'Anno europeo dei cittadini 2013, gli obiettivi e i temi legati ai diritti della cittadinanza. "Nuovo concetto di partecipazione", "non solo mercati e affari ma anche diritti", "una Europa a misura di cittadini", sono alcuni dei concetti che ricorrono negli articoli. Mentre particolare spazio trova, ovviamente, anche il Programma Erasmus. Interessante una intervista pubblicata su EPolis a Marisa Valleri, docente dell'Università di Bari e delegata dal rettore per il Life Learning Program/Erasmus, che oltre ad offrire anticipazioni sul futuro del più conosciuto tra i programmi di mobilità degli studenti nell'UE, spiega il ruolo dell'università pugliese "con un flusso di studenti intorno a 300 unità l'anno" peraltro "in costante aumento" ma con possibilità sempre più ridotte perché "le borse di studio sono poche". E propone per il futuro l'inserimento di "Erasmus nel tessuto economico locale, ampliando le sinergie tra coloro che in Puglia si occupano di giovani e internazionalizzaione promuovendo stage presso imprese o centri di formazione e di ricerca".


Leggi gli inserti di Finestra sull'Europa 2013

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati