Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Notizie | Frodi UE Italia...

Frodi UE, Italia leader in Europa nelle attività di contrasto

9 marzo 2011Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Seminario Hercule II - CatanzaroSi è tenuto a Catanzaro il seminario sul tema "Analisi dei finanziamenti comunitari 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi (Programma Hercule II 2007-2013)", iniziativa promossa dal Dipartimento Politiche Comunitarie, co-finanziata dall'OLAF, l'Ufficio europeo di lotta alle frodi, in collaborazione con l'Ordine nazionale dei dottori commercialisti.

Si tratta del settimo incontro a livello regionale che ha avviato il Dipartimento per discutere con funzionari, amministratori, magistrati e commercialisti della cooperazione per prevenire le frodi, la tutela degli interessi finanziari, la comunicazione delle irregolarità ed esperienze sul loro trattamento.

"L'Italia è già leader nel contrasto alle frodi nei fondi strutturali europei che, nel 2009, hanno pesato per 328 milioni di euro, con 891 casi. Questo è stato riconosciuto da tutte le istituzioni europee", ha ricordato il generale Gennaro Vecchione, comandante del Nucleo della Guardia di finanza per la repressione delle frodi comunitarie che opera presso il Dipartimento, intervenendo durante il seminario.

"La Guardia di finanza - ha aggiunto Vecchione - è organo di polizia comunitaria da decenni. Noi siamo leali nella tutela degli interessi nazionali e stiamo cercando di esportare il nostro modello organizzativo in Europa. Non si può pensare di lasciare la responsabilità di tutelare gli interessi finanziari dell'Unione Europea agli organi di polizia, ma va creato un sistema che si basa sull'informazione, sulla formazione, sul coinvolgimento delle categorie professionali e sull'innesco di nuove opportunità e sull'utilizzo tempestivo dei fondi, nella massima trasparenza. Il nostro è l'unico Paese che pubblica su un sito della Presidenza del Consiglio (il sito del Dipartimento) l'elenco dei beneficiari per cui chiunque, in qualsiasi momento, può andare a controllare".


Per saperne di più:
Approfondimento sui Seminari del programma Hercule II

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati