Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Comunicati stampa | "Italia leader in...

"Italia leader in Europa nella lotta alle frodi"

15 luglio 2010Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

"Dalla Relazione annuale della Commissione europea sulla tutela degli interessi finanziari della UE emerge un dato incontrovertibile: la capacità dell'Italia di saper contrastare con forza le frodi comunitarie. Infatti il nostro Paese ottiene due primati: nel 2009 ha denunciato il valore più elevato di irregolarità e allo stesso tempo è tra i Paesi più zelanti nella repressione del fenomeno. Questo, mi preme sottolinearlo, non vuol dire che in Italia ci sia un numero maggiore di frodi rispetto alla media europea, ma semplicemente significa, come Bruxelles ha puntualmente scritto nel suo rapporto, che da noi i controlli si fanno. E con successo".

Lo afferma il Ministro per le Politiche Europee, Andrea Ronchi, commentando la Relazione annuale della Commissione europea sulla tutela degli interessi finanziari dell’UE.

"Con quasi 1500 casi di irregolarità segnalati, abbiamo ottenuto pubblici riconoscimenti dall'Ufficio europeo per la lotta antifrode, che attribuisce, ormai, al nostro Paese il ruolo di vero e proprio leader in Europa in tema di prevenzione e lotta al fenomeno. Si tratta di un risultato storico dal grandissimo valore, che ha determinato una decisa inversione di tendenza e ribaltato la preesistente concezione che vedeva troppo spesso attribuita all’Italia la maglia nera nel contrasto a questo tipo di reati. Assumiamo così un nuovo ruolo sulla scena europea, quello di un Paese che, con maggior vigore, più efficaci strumenti normativi e più spiccata professionalità investigativa, combatte la criminalità finanziaria. Proprio per questo, l'Italia ha già messo a disposizione della Commissione europea e dell'OLAF il proprio modello organizzativo d'eccellenza, anche al fine di contribuire a rendere omogenea, in tutto il territorio della UE, l'azione di contrasto alle frodi".

La Relazione della Commissione europea

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati