Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Comunicati stampa | UE: OLAF Ronchi:...

UE: OLAF, Ronchi: "Riconoscimento a grande lavoro Italia"

9 luglio 2009Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Comunicato stampa in versione .pdf [67,8 Kbyte] 

"Desidero ringraziare l'OLAF per il grande lavoro svolto anche quest’anno a favore della legalità e contro le frodi e la corruzione ai danni dell'Unione Europea" dichiara il Ministro per le Politiche Europee, Andrea Ronchi.

"Il nuovo rapporto sulle attività operative del 2008 riconosce e sottolinea il grande sforzo messo in campo dai servizi investigativi e anti-frode italiani, attraverso l'opera puntuale e attenta della Guardia di Finanza, dell'Agenzia delle Dogane e dall'Arma dei Carabinieri, che ha portato a una inversione di tendenza nel rapporto tra frodi e recuperi. Un impegno che secondo il direttore generale Franz-Hermann Bruener può essere portato come esempio in tutta l'Unione Europea".

"Conosciamo bene le crititicità relative all'insufficiente recupero dei fondi comunitari a fronte dell'alto numero di frodi e irregolarità scoperte. Un problema dovuto soprattutto alla lentezza delle procedure giudiziarie. Proprio ieri, nel corso di una riunione del Comitato per la lotta contro le frodi comunitarie, che presiedo, ho messo a punto un documento in cui vengono proposte modifiche normative finalizzate a migliorare ulteriormente la riuscita dei recuperi. Nello stesso contesto ho avviato un'attività di sensibilizzazione rivolta a tutte le Autorità di gestione dei fondi comunitari affinché pubblichino sul loro sito istituzionale i dati relativi ai beneficiari dei citati fondi. Inoltre, per agevolare la consultazione delle informazioni pubblicate, ho dato disposizione affinché una loro raccolta generale venga pubblicata sul sito del Dipartimento Politiche Comunitarie. Ritengo che la medesima importanza debba essere attribuita all'aspetto culturale, educando al corretto impiego e utilizzazione dei fondi europei, in modo da agire con efficacia anche sul fronte della prevenzione".

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati