Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Notizie | L'Europa faccia sentire...

L'Europa faccia sentire la propria voce

20 aprile 2009Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo
Andrea Ronchi e José Maria AznarIl ministro Ronchi interviene a Madrid alla "Giornata sulle riforme europee" organizzata dalla Faes, la Fondazione per l'analisi e gli studi sociali presieduta dall'ex premier spagnolo José Maria Aznar.

Al centro dei lavori, la revisione degli obiettivi della Strategia di Lisbona e la rimodulazione dei fondi strutturali europei alla luce della crisi economica mondiale. Ronchi ha infatti ricordato come "il 24 febbraio scorso la Commissione europea ha reso più flessibili le regole per l'uso dei fondi strutturali, allo scopo di consentire agli Stati membri di far fronte alla crisi economica. Si è trattato - ha detto Ronchi - di un segnale importante, di un’apertura alla realtà da parte di istituzioni che spesso si sono dimostrare sorde alle richieste provenienti dai protagonisti dell’economia reale. Oggi, però, bisogna rendere merito all’Europa che ha dimostrato di saper rimodulare i propri imperativi di fronte a una realtà drammaticamente mutata".

Ronchi si è anche detto convinto che sia quantomai necessario "che l’Europa lavori insieme per evitare che le disparità esistenti tra le varie regioni possano ulteriormente allargarsi. L’Europa non può spezzare il proprio vincolo di solidarietà. Ciò non toglie che, in prospettiva, per reggere all’impatto della concorrenza internazionale una graduale rimodulazione del fondi strutturali e di coesione appare come un passaggio inevitabile. L’Europa della solidarietà - ha concluso, insomma, dovrà sempre più diventare Europa della responsabilità. Ma perseguire davvero la grande impresa dell’integrazione dell’Europa significa ancora ascoltare i bisogni più profondi e immediati della sua popolazione".

Leggi l'intervento integrale del ministro Ronchi

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati