Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Comunicazione | Notizie | Fondi strutturali UE...

Fondi strutturali UE, chiuse 573 segnalazioni di frode

6 marzo 2008Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Sono stati chiusi 573 casi di frode relativi ai fondi strutturali per un importo complessivo pari a 37 milioni di euro. Questi i dati illustrati oggi a Bruxelles dal Ministro per le Politiche Europee, Emma Bonino, relativi ai primi risultati ottenuti dall'Italia grazie anche al lavoro svolto dal rinnovato Comitato per la lotta contro le frodi comunitarie del Dipartimento Politiche Comunitarie.

Il nuovo metodo avviato lo scorso settembre, basato su azioni di coordinamento in ambito nazionale intraprese in stretto collegamento con le istituzioni europee e con la Rappresentanza permanente, ha permesso all'Italia di comunicare alla Commissione europea solo i casi accertati di frode permettendo così un risparmio di tempo e risorse.

"Eravamo il Paese col più alto numero di segnalazioni per frode ai fondi strutturali - ha spiegato il Ministro ai giornalisti, dopo l'incontro col Commissario UE antifrode, Sim Kallas - ma solo perchè le comunicazioni per Bruxelles partivano subito, mentre ad esempio la Germania le invia solo al termine dei processi. C'era dunque una chiara disomogeneità con gli altri Stati
membri nelle modalità di comunicazione. Ora, dopo la costituzione del Comitato frodi, il primo risultato è stata la chiusura di 573 casi segnalati all'UE, per 37 milioni di euro. E ci apprestiamo a chiuderne altri 244 per un importo superiore. Abbiamo fatto un bel pò di pulizia".

L'attività di riscontro e di parificazione dei dati informatici è stata svolta a dal Nucleo della Guardia di Finanza presso il Dipartimento Politiche Comunitarie, in stretta collaborazione con i servizi della Commissione europea, Unità C2 dell'OLAF, con il sostegno dell'Ufficio antifrode della Rappresentanza permanente d'Italia presso l'Unione Europea. Una collaborazione che si è concretizzata nell'analisi di tutti i dossier relativi ai "casi aperti" nel periodo 1995-2005, nella relativa proposta di chiusura e nella conseguente decisione adottata dalle competenti DG.

Casi segnalati dal 1995 al 2006 (1)2.116
Chiusure intervenute negli anni171 
Proposte di chiusura formulate il 5 ottobre 2007 817 
Chiusure disposte dall'OLAF il 19 febbraio 2008 (2)573 
Casi in attesa di chiusuraC-D 244 
Casi apertiA-(B+D)    1.372 

(1) escluso il IV trimestre 2006
(2) sulle 817 proposte di chiusura


Per saperne di più:
La tabella delle frodi
Il Comitato per la lotta contro le frodi comunitarie

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati