Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Aiuti di Stato, pubblicato il decreto sulla procedura di pre-validazione

Aiuti di Stato, pubblicato il decreto sulla procedura di pre-validazione

16 marzo 2017Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Il 9 marzo scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) 24 gennaio 2017 che disciplina i termini e le modalità di svolgimento della verifica, da parte del Dipartimento per le Politiche Europee, della completezza della documentazione contenuta nelle notifiche di aiuti di Stato effettuate dalle competenti amministrazioni, in attuazione dell'articolo 45 della legge 24 dicembre 2012, n. 234.

Tutte le comunicazioni contemplate dalla procedura disciplinata dal DPCM saranno effettuate attraverso il sistema di notificazione elettronica degli aiuti di Stato (SANI2) gestito dalla Commissione europea. Il DPCM prevede che la procedura di pre-validazione potrà essere attivata dal Dipartimento soltanto a partire dalla data in cui verrà data comunicazione su questo sito dell'attuazione delle modifiche al suddetto sistema di notificazione elettronica.

L'attività di pre-validazione rappresenta uno degli impegni assunti dal Dipartimento per le Politiche europee nell'ambito del Common Understanding (nella pagina, "Partenariato in materia di aiuti di Stato: accordo con la Commissione europea"), firmato il 3 giugno scorso con la Commissione europea, DG Concorrenza, al fine di implementare il processo di modernizzazione degli aiuti di Stato e rafforzando il partenariato tra l'Italia e la Commissione europea, da un lato, e tra le amministrazioni nazionali a tutti i livelli, dall'altro.

Il Dipartimento ha recentemente emanato una circolare, trasmessa a tutte le amministrazioni interessate, centrali e regionali, per garantire la corretta attuazione delle misure previste nel Common Understanding. La circolare contiene istruzioni per l'attuazione delle misure di maggior rilievo, alcune delle quali richiedono un'attuazione immediata da parte delle stesse amministrazioni (come l'individuazione del distinct body).


Per saperne di più:
Circolare per l'attuazione del Common Understanding [.pdf - 5,16 Mbyte] e Scheda allegata [.pdf - 1,58 Mbyte]

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati