Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Comitato Tecnico di Valutazione, 30 gennaio 2017

Comitato Tecnico di Valutazione, 30 gennaio 2017

31 gennaio 2017Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Il Comitato Tecnico di Valutazione si è riunito il 30 gennaio 2017 ed ha affrontato le seguenti tematiche.


Programma di lavoro della Presidenza maltese

Il Comitato Tecnico di Valutazione (CTV) ha avuto uno scambio di vedute sul Programma di lavoro e sulle priorità della Presidenza maltese, iniziata il primo gennaio. Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e il Ministero dell'Interno hanno informato in particolare degli aspetti relativi ai dossier migratori, tema che sarà peraltro al centro del vertice dei Capi di Stato e di governo che si terrà il prossimo 3 febbraio a La Valletta. In quella sede, un punto di discussione sarà anche dedicato al futuro dell'Europa e al 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma. 


Semestre europeo

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha presentato lo stato dei lavori del Semestre europeo e ha informato il CTV che nei prossimi giorni è atteso dalla Commissione europea il draft del Country Report nazionale, dove sono approfonditi due aspetti essenziali del Semestre: la stato degli squilibri macroeconomici e le raccomandazioni specifiche relative al nostro Paese. Le priorità economiche  e sociali definite nell’Analisi annuale della crescita per il 2017 sono in linea con quelle del 2016: rilancio degli investimenti, proseguimento delle riforme strutturali e gestione responsabile delle politiche di bilancio.
 
Il Comitato ha condiviso l'opportunità di attendere il draft del Country Report per analizzarne gli elementi di criticità espressi in una prossima riunione del CTV.


Europa sociale

Il CTV ha fatto il punto sugli sviluppi del Pilastro europeo dei Diritti sociali, anche sulla scorta dei risultati della conferenza che si è tenuta il 23 gennaio scorso a Bruxelles. Il Dipartimento per le Politiche Europee ha annunciato un Vertice sociale che il Governo italiano, d'intesa con la Presidenza maltese, intende organizzare nel mese di marzo alla vigilia della Conferenza di Roma sulla celebrazione del 60mo dei Trattati fondativi delle Comunità europee esprimendo l'auspicio che il Pilastro sociale rappresenti un segnale di rilancio nel dibattito per il futuro dell'Unione.
 
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha ringraziato le amministrazioni che hanno partecipato alla consultazione sul Pilastro sociale, avviata dalla Commissione europea lo scorso anno e sotto il coordinamento del Dipartimento per le Politiche Europee. I risultati di tale consultazione hanno contribuito alla elaborazione di un 'position paper' nazionale che è stato approvato dal CTV.


Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio per una 'governance' dell'Energy Union e ETS

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha illustrato i punti principali del pacchetto a cui è seguito un ampio dibattito sulla strategia negoziale italiana.

Il Comitato ha invitato il Dipartimento per le Politiche Europee a promuovere occasioni di confronto e raccordo con tutte le amministrazioni interessate a dare un contributo al dibattito.


Principali attività consiliari in agenda

Le amministrazioni sono state invitate a presentare una breve informativa sui principali punti all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri dell'UE.


Varie ed eventuali

Il MAE e il Dipartimento per le Politiche Europee hanno presentato un punto informativo sullo stato dell'arte del dosser relativo al Tribunale unificato dei brevetti (TUB). Al termine di un ampio scambio di vedute, il Comitato ha concordato sull'opportunità di aderire al Protocollo per l'applicazione provvisoria dell'Accordo istitutivo del Tribunale in attesa del raggiungimento del numero di ratifiche necessarie per la sua entrata in vigore.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati