Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Riunione di coordinamento sul contenzioso europeo, 4 agosto

Riunione di coordinamento sul contenzioso europeo, 4 agosto

4 agosto 2016Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Si è svolta il 4 agosto 2016, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la riunione di coordinamento in materia di contenzioso europeo.

Sono stati discussi 22 casi di cui 4 sono relativi a questioni pregiudiziali sollevate dal giudice nazionale e 18 relativi a questioni pregiudiziali sollevate da giudici stranieri ma con potenziale impatto sul diritto interno.


Per saperne di più:
Coordinamento sul contenzioso europeo




I casi esaminati nella riunione del 4 agosto 2016

(Per ogni caso è indicato il numero della causa, le amministrazioni italiane coinvolte, una breve sintesi del caso esaminato)


Casi relativi a questioni pregiudiziali sollevate da giudici nazionali

Causa C-223/16 - Giustizia, Infrastrutture, Autorità garante della concorrenza e del mercato, Autorità nazionale anticorruzione.
Avvalimento. Interpretazione della direttiva 2004/18/CE, relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi, rispetto ad una norma nazionale – l'art. 49 del d.lgs. 163/2006 - che non consente espressamente la possibilità per il concorrente di sostituire l'impresa ausiliaria che abbia perso i requisiti di partecipazione.

Causa C-245/16 - Giustizia, Sviluppo economico.
Aiuti di Stato. Interpretazione del 'vecchio' regolamento generale di esenzione per categoria - regolamento n. 800/2008 - con particolare riferimento alle disposizioni che vietano gli aiuti alle imprese in difficoltà (dubbio sulla compatibilità con il diritto UE del provvedimento di revoca di un contributo pubblico, inizialmente concesso a valere sui fondi strutturali, disposta per la sottoposizione dell'impresa a procedura di concordato preventivo con continuità aziendale). 
 
Causa C-246/16 - Giustizia, Economia e Finanze, Agenzia delle Entrate.
Rettifica IVA. Interpretazione della direttiva 77/388/CEE in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati Membri relative alle imposte sulla cifra di affari — Sistema comune di imposta sul valore aggiunto: base imponibile uniforme (dubbio sulla definizione temporale relativa al momento a partire dal quale la detrazione dell'imposta addebitata possa essere operata, in caso di operazioni totalmente o parzialmente non pagate a causa di procedure concorsuali o di procedure esecutive rimaste infruttuose). 
 
Causa C-265/16 - Beni e Attività culturali, Giustizia, Sviluppo Economico, PCM - Dipartimento per l'nformazione e l'editoria, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Autorità garante per la protezione dei dati personali.
Diritto d'autore. Interpretazione della direttiva 2001/29 sull'armonizzazione di taluni aspetti del diritto d'autore e dei diritti connessi nella società dell'informazione, con particolare riferimento all'esatta portata della deroga al divieto di riproduzione dell'opera protetta per 'copia privata'. 
 
 

Casi relativi a questioni pregiudiziali sollevate da giudici stranieri

Causa C-76/16 (Slovacchia) - Giustizia, Infrastrutture, Autorità nazionale anticorruzione, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Appalti pubblici. Interpretazione della direttiva sugli appalti pubblici – n. 2004/18/CE – e della direttiva sulle procedure di ricorso – n. 89/665/CEE – rispetto ad un caso di esclusione di un offerente da una gara, avente ad oggetto la ristrutturazione di stadi calcistici, per il mancato soddisfacimento dei requisiti di capacità economico-finanziaria. 

Causa C-217/16 (Grecia) - Giustizia.
Competenze di esecuzione della Commissione europea. Interpretazione della natura degli atti della Commissione europea compiuti nell'esercizio delle competenze previste dal  regolamento 2052/88 (relativo alle missioni dei Fondi a finalità strutturale) nonché dai Regolamenti 4253/1988 (recante disposizioni di applicazione sul coordinamento tra gli interventi dei vari Fondi strutturali) e 4256/1988 (recante disposizioni di applicazione sul Fondo Europeo Agricolo di Orientamento e Garanzia), con particolare riferimento all'esecuzione forzata di quegli atti che impongono obblighi pecuniari a carico di persone che non siano gli Stati membri.

Causa C-229/16 (Portogallo) - Giustizia, Salute, Economia e Finanze, Agenzia italiana del farmaco.
Ritardi di pagamento. Applicabilità della direttiva 2000/35/CE, relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali,  al sistema di pagamento delle compartecipazioni statali al prezzo dei medicinali forniti ai beneficiari del Servizio Sanitario Nazionale.
 
Causa C-251/16 (Irlanda) - Giustizia, Economia e Finanze, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Interpretazione del principio dell'abuso del diritto e di talune disposizioni della Direttiva CEE 77/388/CEE in materia di IVA.  
 
Causa C-258/16 (Finlandia) - Giustizia, Infrastrutture, Autorità garante della concorrenza e del mercato, Autorità di regolazione dei trasporti.
Responsabilità del vettore aereo per danni ai bagagli. Interpretazione dell'art. 31 della Convenzione di Montreal - per l'unificazione di alcune regole relative al trasporto aereo internazionale – che prescrive la forma scritta per i reclami, rispetto ad un caso di responsabilità del vettore aereo per il danno derivante dallo smarrimento del bagaglio azionata con un reclamo presentato tempestivamente ma non formalmente per iscritto.
 
Causa C-247/16 (Germania) - Giustizia, Infrastrutture, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Regolamento Bruxelles I bis. Interpretazione della nozione di luogo di esecuzione dell'obbligazione prevista dal regolamento n. 1215/2012, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale, rispetto ad un'ipotesi di trasporto composto da una tratta operata dal vettore contrattuale e da un'ulteriore tratta effettuata dal vettore operativo. 
 
Causa C-283/16 (Regno Unito) - Giustizia, Lavoro e Politiche sociali.
Esecuzione delle decisioni in materia di obbligazioni alimentari. Interpretazione del Regolamento (CE) n.4/2009 del Consiglio, relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni e alla cooperazione in materia di obbligazioni alimentari. 
 
Causa C-284/16 (Germania) - Giustizia, Salute, Sviluppo economico, Ambiente, Gestore dei servizi energetici, PCM - Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Trattati bilaterali per gli investimenti. Compatibilità con l'art. 344 TFUE - ai sensi del quale gli SM si impegnano a non sottoporre una controversia relativa all'interpretazione o all'applicazione dei Trattati a modalità di composizione diverse da quelle previste dai Trattati stessi – di una clausola di un accordo bilaterale in materia di investimenti, concluso tra uno Stato Membro e uno Stato che ha aderito all'UE dopo la conclusione dell'accordo, in base alla quale un investitore di uno Stato contraente, in caso di controversie in materia di investimenti nell'altro Stato contraente, può avviare nei confronti di quest'ultimo un procedimento dinanzi a un collegio arbitrale.
 
Causa C-290/16 (Germania) - Giustizia, Infrastrutture, Sviluppo economico,  Autorità garante della concorrenza e del mercato, Autorità di regolazione dei trasporti.
Prestazione servizi aerei. Interpretazione del regolamento n. 1008/2008, recante norme comuni per la prestazione di servizi aerei nella Comunità, con particolare riferimento al profilo della trasparenza della composizione del prezzo finale del volo da pagare. 
 
Cause riunite C-233/16, C-234/16, C-235/16, C-237/16 (Spagna) - Economia e Finanze, Sviluppo economico, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Aiuti di Stato. Interpretazione dell'art. 107.1 del Trattato in materia di aiuti di Stato, rispetto alla misura spagnola che esenta talune tipologie di stabilimenti commerciali dall'imposta regionale gravante sull'utilizzo di grandi superfici commerciali individuali.
 
Causa C-238/16 (Germania) - Giustizia, Economia e Finanze, Salute.
Esenzione IVA. Interpretazione dell'art. 132.1, lett. d) della direttiva sul sistema comune IVA rispetto all'attività di cessione di plasma, ottenuto da sangue umano, per la produzione di medicinali.
 
Causa C-256/16 (Germania) - Giustizia, Sviluppo economico, Economia e Finanze, Agenzia delle Dogane e dei monopoli.
Antidumping. Validità del regolamento di esecuzione (UE) 2016/223 della Commissione - che stabilisce una procedura di valutazione di determinate domande di trattamento, riservato alle società operanti in condizioni di economia di mercato, e di trattamento individuale, presentate da produttori esportatori della Cina e del Vietnam, ed esegue la sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea nelle cause riunite C-659/13 e C-34/14.
 
Causa C-262/16 (Regno Unito) - Giustizia, Politiche agricole, Economia e Finanze, Agenzia delle Entrate.
Regimi speciali IVA. Interpretazione del regime comune forfettario per i produttori agricoli stabilito dal titolo XII, capo 2, della direttiva IVA n. 2006/112/CE, con particolare riferimento ai casi in cui uno Stato membro può escludere un produttore agricolo dal suddetto regime.
 
Causa C-266/16 (Regno Unito) - Giustizia, Sviluppo economico, Ambiente, Politiche agricole, Economia e Finanze, Agenzia delle Dogane e dei monopoli.
Accordi internazionali. Validità dell'accordo euro-mediterraneo che istituisce un'associazione tra le Comunità europee e i loro Stati Membri, da una parte, e il Marocco, dall'altra, e dell'accordo di partenariato nel settore della pesca tra la Comunità europea e il Regno del Marocco. 
 
Causa C-270/16 (Spagna) - Giustizia, Lavoro e Politiche sociali.
Licenziamenti per malattia. Interpretazione della la direttiva 2000/78 - che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro indipendentemente dalla religione o le convinzioni personali, gli handicap, l'età o le tendenze sessuali - rispetto ad una normativa nazionale che non include le assenze determinate dalle patologie causa della disabilità del lavoratore nell'elenco delle assenze di cui non tenere conto nel computo ai fini del licenziamento per cause oggettive.
 
Causa C-281/16 (Olanda) - Ambiente, Politiche agricole.
Direttiva 'Habitat'. Validità della decisione di esecuzione (UE) 2015/72 della Commissione che adotta l'ottavo aggiornamento dell'elenco dei siti di importanza comunitaria, ai sensi della direttiva 'Habitat', per la regione biogeografica atlantica.
 
Causa C-288/16 (Lettonia) - Economia e Finanze, Agenzia delle Entrate, Infrastrutture, Giustizia, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Esenzione IVA. Interpretazione dell'art. 146 della direttiva 2006/112, relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto, che  prevede l'esenzione dall'IVA delle prestazioni di servizi che siano direttamente connesse alle esportazioni o importazioni di beni.
 
Causa C-289/16 (Germania) - Giustizia, Sviluppo economico, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
Etichettatura prodotti biologici. Interpretazione della nozione di vendita effettuata 'direttamente' al consumatore finale prevista dal regolamento n. 834/2007, relativo alla produzione biologica e all'etichettatura dei prodotti biologici.
Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati