Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Macro aree | e-CERTIS

e-CERTIS

8 luglio 2016Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Si chiama 'e-Certis' ed è il sistema informatico della Commissione europea che consente alle stazioni appaltanti di verificare i documenti e i certificati presentati dagli operatori stranieri e alle imprese di conoscere i documenti e i certificati necessari ai fini della presentazione delle domande di partecipazione agli appalti pubblici in qualsiasi paese dell'Unione, in conformità con le direttive appalti.

Fin dalla sua istituzione la banca dati e-Certis veniva aggiornata e verificata su base volontaria dalle autorità nazionali, ma l'esperienza acquisita ha dimostrato che l'aggiornamento e la verifica su base volontaria sono insufficienti a garantire che e-Certis possa esprimere il suo pieno potenziale per semplificare e agevolare gli scambi di documentazione.

La nuova direttiva appalti prevede espressamente che gli Stati membri garantiscano che le informazioni introdotte in e-Certis siano costantemente aggiornate, al fine di facilitare la presentazione di offerte transfrontaliere.

La Commissione europea ha voluto sviluppare anche una nuova versione del tool e-Certis 2 rendendolo più fruibile e di agevole consultazione.

In Italia, l'implementazione della nuova versione ha visto la partecipazione di tutte le amministrazioni interessate, per la parte di rispettiva competenza, coordinate da Dipartimento Politiche Europee e ANAC.

Il nuovo codice  recepisce le disposizioni della direttiva appalti su e-Certis e affida al tramite della cabina di regia, da esso istituita, l'attività di aggiornamento delle informazioni relative  ai certificati e alle altre forme di prove documentali introdotte in e-Certis.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati