Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Patenti, caso di un cittadino italiano in Irlanda

Patenti, caso di un cittadino italiano in Irlanda

8 luglio 2016Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Marco, cittadino italiano trasferitosi in Irlanda il 13 novembre 2015 ha richiesto all'NDLS (l'ufficio nazionale per le patenti di guida) di cambiare la propria patente italiana in una patente irlandese. Nonostante la procedura e la consegna di tutta la documentazione necessaria per effettuare il cambio fossero state eseguite correttamente, l'NDLS aveva affermato di non aver ricevuto alcuna risposta dall'amministrazione competente italiana, trattenendo di fatto la patente di Marco e bloccando la procedura per il cambio.

Cosa è successo? Ad impedire lo scambio di informazioni tra le autorità irlandesi e italiane è stata l'adozione solo recentemente completata anche in Italia del nuovo database RESPER.

RESPER (Réseau permis de conduire, Rete UE delle patenti di guida) è un database di interconnessione degli archivi delle patenti di guida a livello europeo adottato a livello europeo per garantire un'effettiva libertà di circolazione ai guidatori europei, rafforzare la sicurezza sulle strade europee e ridurre le possibilità di frode, come ad esempio evitare che chi ha perso il diritto di condurre un veicolo in un Paese lo ottenga in un altro Stato.

L'Italia è operativa nella rete RESPER solo dal 18 febbraio scorso, ben dopo la richiesta presentata da Marco all'Ufficio irlandese.

"Adesso che il sistema RESPER è totalmente implementato, vi chiedo gentilmente di intercedere con l'NDLS per raggiungere una rapida soluzione" ha scritto Marco al SOLVIT esponendo il suo caso.

Grazie all'intervento del SOLVIT, la procedura è stata riavviata, le amministrazioni italiana e irlandese sono riuscite a comunicare e Marco ha ottenuto la nuova patente in pochi giorni.

 

Per saperne di più:
Approfondimento sul SOLVIT 
Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati