Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Riunione di coordinamento sul contenzioso europeo, 8 giugno 2016

Riunione di coordinamento sul contenzioso europeo, 8 giugno 2016

8 giugno 2016Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Si è svolta l'8 giugno 2016, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la riunione di coordinamento in materia di contenzioso europeo.

Sono stati discussi 8 casi ritenuti potenzialmente suscettibili di produrre un possibile impatto sul diritto interno: 1 caso è relativo a questioni pregiudiziali sollevate dal giudice nazionale, 7 casi sono relativi a questioni pregiudiziali sollevate da giudici stranieri.

Durante la riunione è stato dedicato un punto informativo all'aggiornamento su una causa pregiudiziale trattata nella riunione di coordinamento del 20 maggio 2016 relativamente alla comunicazione dell'Avvocatura generale dello Stato dell'avvenuto deposito della memoria di intervento.


Per saperne di più:
Coordinamento sul contenzioso europeo




I casi esaminati nella riunione dell'8 giugno 2016

(Per ogni caso è indicato il numero della causa, le amministrazioni italiane coinvolte, una breve sintesi del caso esaminato)


Casi relativi a questioni pregiudiziali sollevate da giudici nazionali

Causa C-111/16 - Salute, Ambiente, Politiche agricole.
Interpretazione del regolamento n. 178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'Autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare: eventuale obbligo della Commissione, sollecitata da uno Stato membro, di adottare le misure di emergenza ai sensi dell'art. 53 del regolamento anche in assenza di rischio grave e manifesto per la salute umana animale e dell'ambiente.


Casi relativi a questioni pregiudiziali sollevate da giudici stranieri

Causa C-125/16 - Salute, Giustizia, Sviluppo economico, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
(Malta) - Interpretazione della direttiva 2005/36/CE, relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali: in particolare, l'esercizio transfrontaliero della professione di odontoprotesista da parte di soggetti che desiderano stabilirsi a Malta e che hanno presentato un’apposita domanda al riguardo.

Causa C-139/16 - Giustizia, Sviluppo economico, Politiche agricole, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
(Spagna) - Interpretazione della direttiva 2008/95 sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di marchi d'impresa: se il divieto di registrare marchi d'impresa composti esclusivamente da segni o indicazioni che nel commercio possono servire a designare la provenienza geografica del prodotto includa l'utilizzo di un segno che fa riferimento alla caratteristica di un prodotto o servizio consistente nel fatto che esso è abbondantemente reperibile nel medesimo luogo con un livello elevato di valore e qualità.

Causa C-138/16 - Beni culturali e turismo, Sviluppo economico, Giustizia, PCM - Dipartimento per l'nformazione e l'editoria, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, SIAE.
(Austria) - Interpretazione della direttiva 2001/29 sull'armonizzazione di taluni aspetti del diritto d'autore e dei diritti connessi nella società dell'informazione e della convenzione di Berna per la protezione delle opere letterarie ed artistiche (se tali norme possano essere interpretate nel senso di considerare la diffusione di trasmissioni radiofoniche mediante installazione di antenne collettive a) quale nuova trasmissione radiofonica ove siano collegati non più di 500 utenti o b) quale parte della trasmissione radiofonica originaria se si tratti di ritrasmissione di trasmissioni radiofoniche dell'ORP).

Causa C-159/16 - Giustizia, Economia e Finanze, Infrastrutture e Trasporti,  Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Autorità di regolazione dei trasporti.
(Lettonia) - Interpretazione degli articoli 102 (divieto di abuso di posizione dominante) e 107 (divieto di aiuti di Stato incompatibili con il mercato interno) del Trattato sul funzionamento dell'Unione Europea. Caso di un'impresa statale il cui comportamento può essere configurato sia come concessione di un aiuto di Stato a un cliente/partner commerciale che come discriminazione in materia di prezzi.

Cause riunite C-52/16 e C-113/16 - Giustizia, Politiche agricole.
(Ungheria) - Interpretazione degli articoli 49 e 63 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea e degli articoli 17 e 47 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE rispetto a una normativa nazionale che stabilisca l'obbligo di cancellare l'iscrizione dei diritti di usufrutto e di uso gravanti su beni immobili agricoli e registrati a nome di società commerciali o di persone fisiche che non siano parenti stretti del proprietario, senza imporre nel contempo, a favore dei titolari dei diritti di usufrutto e di uso estinti, una compensazione per le perdite patrimoniali che tragga origine da contratti validi. 

Causa C-131/16 - Giustizia, Infrastrutture e Trasporti, Sviluppo economico, Autorità nazionale anticorruzione, Autorità garante della concorrenza e del mercato, Autorità di regolazione dei trasporti, Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico. 
(Polonia) - Interpretazione degli articoli 1, paragrafo 2, lettera a), e 10 della direttiva 2004/17 e dell'articolo 1, paragrafi 1 e 3, della direttiva 92/13. Appalti pubblici: integrazione dell'offerta con nuovi campioni, senza prevedere un divieto in forza del quale gli stessi non possono modificare il contenuto dell'offerta; interpretazione del termine «un determinato appalto» ai fini della ricevibilità dei ricorsi e della valutazione dell'interesse del ricorrente ad ottenere l'aggiudicazione di un determinato appalto. 

Causa C-135/16 - Giustizia, Sviluppo economico, Ambiente, Economia e Finanze, Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico.
(Germania) - Aiuti di stato: se la decisione della Commissione europea relativa al regime di aiuti (cui la Germania ha dato esecuzione a sostegno dell'elettricità prodotta da fonti rinnovabili e degli utenti a forte consumo di energia) violi il Trattato sul funzionamento dell'Unione europea per il fatto che la Commissione UE qualifica la limitazione della sovrattassa EEG (la "Erneuerbare Energien Gesetz", la legge sulle energie rinnovabili in Germania) come aiuto ai sensi dell'articolo 107 TFUE.


Punti di informazione

Causa C-112/16 - Giustizia, Sviluppo economico, Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Autorità garante della concorrenza e del mercato.
(Italia) - Compatibilità con le direttive n. 2002/20, 2002/21 e 2002/77 (rispettivamente "Direttiva Autorizzazioni", "Direttiva Quadro" e Direttiva Concorrenza") della normativa nazionale in materia di determinazione del numero delle reti digitali da assegnare agli operatori del settore in sede di conversione delle reti analogiche.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati