Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | La direttiva 'ricorsi'

La direttiva 'ricorsi'

22 luglio 2016Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Nel 2007 è stata adottata la direttiva 2007/66/CE (cosidetta, 'direttiva ricorsi'), recante una revisione delle previgente disciplina del contenzioso in materia di appalti pubblici. La direttiva appronta uno specifico sistema di tutela che trova applicazione per gli appalti disciplinati dalle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE (ora dalle direttive 2014/24, 2014/25 e 2014/23) e prevede una serie di specifici dispositivi volti a migliorare l'efficacia dei ricorsi in fase pre-contrattuale, in modo da garantire alle imprese dell'Unione europea effettività nella tutela dei loro interessi qualora ritengano di essere state lese nel corso di una procedura di aggiudicazione.

La direttiva è stata recepita nell'ordinamento italiano con il decreto legislativo 20 marzo 2010, n. 53, che ha introdotto, attraverso modifiche ed integrazioni al codice dei contratti pubblici, una serie di istituti processuali poi trasferiti nel codice del processo amministrativo (decreto legislativo n. 104/2010).

Nel mese di aprile 2015, la Commissione europea ha lanciato un'ampia consultazione pubblica sulla direttiva ricorsi allo scopo di acquisire informazioni dagli Stati membri sull'applicazione in concreto della direttiva negli ordinamenti nazionali. La consultazione è stata avviata, tra l'altro, in vista della possibile revisione della direttiva stessa, che è stata inclusa nel quadro del programma Refit, ossia il programma di controllo dell'adeguatezza e dell'efficacia della regolamentazione, volto a snellire il quadro normativo europeo e a renderlo più snello, semplice e meno costoso.

Il Dipartimento Politiche Europee ha coordinato, a livello nazionale, l'attività di consultazione sulla direttiva e, a tale scopo, ha invitato a partecipare sia i soggetti pubblici (quali stazioni appaltanti, autorità pubbliche e organi giurisdizionali) sia i soggetti privati (operatori economici, avvocati e cittadini). A conclusione dell'attività, i contributi raccolti sono stati inviati alla Commissione europea.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati