Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Riunione di coordinamento sul contenzioso europeo, 12 febbraio 2016

Riunione di coordinamento sul contenzioso europeo, 12 febbraio 2016

12 febbraio 2016Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Si è svolta il 12 febbraio 2016, presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, la terza riunione di coordinamento del 2016 in materia di contenzioso europeo.

All'ordine del giorno quattordici casi di cui due riguardanti questioni pregiudiziali sollevate da giudici italiani e otto relativi a questioni pregiudiziali che, sollevate da giudici stranieri, sono state ritenute potenzialmente suscettibili di produrre un possibile impatto sul diritto interno. Sono state inoltre esaminate quattro cause per una loro eventuale trattazione e un punto informativo in merito alla sentenza relativa alla causa C-64/15.


Per saperne di più:
Coordinamento sul contenzioso europeo




I casi esaminati nella riunione del 12 febbraio 2016

(Per ogni caso è indicato il numero della causa, le amministrazioni italiane coinvolte, una breve sintesi del caso esaminato)


Casi relativi a questioni pregiudiziali sollevate da giudici italiani

Causa C-559/15 - Giustizia, Sviluppo Economico, Ivass, Antitrust.
Interpretazione della direttiva n. 92/49 (cd. terza direttiva assicurazione non vita) e compatibilità della normativa nazionale che consente all'IVASS - quale autorità di vigilanza di uno Stato ospitante un operatore assicurativo in libera prestazione di servizi - di prendere in via d'urgenza misure di divieto di stipulazione di nuovi contratti sul territorio dello Stato medesimo, fondati sulla ritenuta carenza del requisito della reputazione.

Causa C-574/15 - Economia e Finanze, Giustizia, Agenzia delle Entrate.
Compatibilità con il combinato disposto dall’art 325 TFUE (tutela degli interessi finanziari) e dalla direttiva 2006/112 (IVA) - che prevedono l'obbligo di assimilazione in capo agli Stati membri per quanto riguarda le politiche sanzionatorie - della norma nazionale che prevede che la rilevanza penale dell'omesso versamento dell'IVA consegua al superamento di una soglia pecuniaria più elevata rispetto a quella stabilita in relazione all'omesso versamento dell'imposta diretta sui redditi.


Casi relativi a questioni pregiudiziali sollevate da giudici italiani

Causa C-698/15 - Giustizia, Beni Culturali, Sviluppo Economico, Presidenza del Consiglio (DAGL E DIE), Agcom, Autorità garante privacy.
(Regno Unito) Interpretazione della sentenza sentenza CGUE Digital Rights Ireland e Seitlinger (cause riunite C-293/12 e C-594/12) rispetto al regime interno del Regno Unito che impone ad un operatore pubblico di telecomunicazioni di conservare dati rilevanti relativi alle comunicazioni.

Causa C-562/15 - Giustizia, Sviluppo Economico, Antitrust.
(Francia) - Interpretazione della dir. 2006/114/CE concernente la pubblicità comparativa e  ingannevole (dubbio sulla conformità rispetto alla direttiva del principio della pubblicità comparativa di prezzi fra negozi diversi quanto a tipologia e dimensioni).

Causa C-565/15 - Giustizia, Sviluppo Economico, Antitrust.
(Austria) - Compatibilità con la direttiva 2005/29/CE di una disposizione nazionale che stabilisce regole professionali per i gestori di stazioni di servizio in relazione al momento dell'indicazione dei prezzi dei carburanti nelle stazioni di servizio.

Causa C-567/15 - Giustizia, Infrastrutture e Trasporti, Economia e Finanze, Anac.
(Lituania) - Interpretazione dell'art. 1.9 della dir. 2004/18/CE sugli appalti pubblici (riconoscimento dello status di amministrazione aggiudicatrice ad una società che fornisce servizi di riparazione di materiale rotabile al suo fondatore pubblico in base a operazioni «in-house», il cui valore rappresenta il 90% dell’intera attività della società).

Causa C-568/15 - Giustizia, Sviluppo economico, Agcom, Antitrust.
(Germania) - Interpretazione dell'art. 21.1 della direttiva 2011/83/UE sui diritti dei consumatori (caso del professionista che predispone un servizio di assistenza telefonica, il cui utilizzo comporta per il consumatore costi superiori rispetto a quelli dovuti per una telefonata diretta a un normale numero di rete fissa o mobile).

Causa C-592/15 - Beni Culturali, Giustizia, Economia e Finanze, Agenzia delle Entrate.
(Regno Unito) - Efficacia diretta dell'art. 13, parte A, paragrafo 1, lettera n), della cd. sesta direttiva IVA – Dir. 77/388/CEE nella misura in cui ammette l'esonero di «talune prestazioni di servizi culturali», effettuate da organismi culturali di diritto pubblico  o da altri enti culturali riconosciuti.

Causa C-579/15 - Giustizia, Interno, Affari esteri.
(Olanda) - Interpretazione dell'art.4.6, della decisione quadro 2002/584/GAI sul mandato d'arresto europeo (Questione dell'efficacia diretta della decisione quadro).

Causa C-610/15 - Presidenza del Consiglio dei Ministri (DIE), Beni Culturali, Sviluppo Economico, Antitrust, Agcom, Giustizia, Sviluppo economico, Ambiente, Antitrust, Autorità garante privacy.
(Olanda) - Interpretazione dell'art. 3.1 della direttiva n.2001/29 - sul diritto d'autore - relativo alla nozione di comunicazione al pubblico (caso di un sito Internet dove non si trovano opere protette, ma esiste un sistema con il quale vengono indicizzati e categorizzati per gli utenti metadati relativi ad opere protette disponibili sui loro computer, consentendo loro in tal modo di reperire e caricare e scaricare le opere protette).

  

Ricognizione delle cause pregiudiziali di eventuale trattazione

Causa C-600/15 - Sviluppo economico, Economia e Finanze, Agenzia dogane e Monopoli, Autorità per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico.
(Olanda) - Interpretazione della Nomenclatura combinata di cui al Reg. n.2658/87 relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica e alla tariffa doganale comune (dubbio sull'esatta classificazione delle lampade led).

Causa C-617/15 - Giustizia, Sviluppo economico, Economia e Finanze, Antitrust.
(Germania) - Interpretazione dell'art. 97.1, del reg. n. 207/2009 sul marchio comunitario, che disciplina gli aspetti di competenza internazionale (dubbio sull'interpretazione da dare alla nozione  di «stabile organizzazione»).

Causa C-618/15 - Giustizia, Sviluppo economico, Economia e Finanze, Antitrust, Agcom.
(Francia) - Interpretazione dell'art.5.3, del reg. n. 44/2001 - concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale – che disciplina il giudice competente in materia di illeciti civili dolosi o colposi.

Causa C-620/15 - Giustizia, Lavoro, Infrastrutture e Trasporti.
(Francia) - Interpretazione del reg. n. 1408/71 relativo all'applicazione dei regimi di sicurezza sociale ai lavoratori subordinati, ai lavoratori autonomi e ai loro familiari che si spostano all'interno della Comunità.


Ricognizione delle cause pregiudiziali di eventuale trattazione

Causa C-64/15 - Giustizia, Economia e Finanze, Agenzia delle Entrate.
(Germania) - Interpretazione della dir. 2008/118/CE relativa al regime generale delle accise e che abroga la direttiva 92/12/CEE.

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati