Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Consiglio Competitività e Crescita: aiuti di Stato e diritto d'autore

Consiglio Competitività e Crescita: aiuti di Stato e diritto d'autore

1 giugno 2013Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

La sessione 'mercato interno' del Consiglio 'Competitività e Crescita' dell'UE, riunitosi a Bruxelles il 29 maggio, ha registrato l'accordo politico su due proposte di Regolamento in materia di aiuti di Stato e un dibattito sulla relazione presentata dall'ex Commissario UE Vitorino in tema di diritto d'autore. Per l’Italia, era presente il Ministro per gli Affari Europei, Enzo Moavero Milanesi.


Aiuti di Stato

Il Consiglio ha raggiunto l'accordo generale su due testi di compromesso relativi a due proposte di Regolamento (regolamento di procedura e regolamento di abilitazione) sugli aiuti di Stato. La Commissione europea ha adottato l’8 maggio 2012 una Comunicazione sulla modernizzazione degli aiuti di Stato che definisce gli obiettivi di un ambizioso pacchetto di riforme di tutta la politica in questo settore e una serie di azioni da realizzare in stretta collaborazione con gli Stati membri.

L'Italia ha offerto fin dall’inizio il suo appoggio allo sforzo della Commissione per la modernizzazione delle regole sugli aiuti di Stato, tenuto conto che la filosofia di questa modernizzazione, cioè evitare la concorrenza tra Stati Membri nel finanziare ciascuno le proprie imprese,  è ancor più valida in questa fase di forti disparità di capacità di spesa tra gli stessi Stati.

Tra gli aspetti di rilievo, l'Italia ha aderito all'introduzione di strumenti di indagine di mercato (i cosidetti Market Information Tools - MIT) che consentiranno alla Commissione UE di contattare direttamente le imprese per chiedere elementi informativi, limitatamente alla fase della indagine formale e solo con riferimento ai casi di aiuti individuali maggiormente complessi e distorsivi. Ma ha anche ricordato l'importanza di garantire tempi certi nelle procedure di esame degli aiuti da parte della Commissione, di assicurare la massima trasparenza nei confronti degli Stati membri e di rivolgersi alle imprese nella loro lingua nazionale per non produrre oneri amministrativi aggiuntivi.


Diritto d'autore

La modernizzazione del diritto d'autore rappresenta un settore chiave con potenziali di crescita molto promettenti, che – secondo le stime della Commissione – potrebbe valere per l'economia europea circa 680 miliardi di euro. Per questo l'Europa è impegnata a realizzare un mercato unico digitale entro il 2015. La ‘modernizzazione della normativa UE in materia di diritti d'autore’ rientra in questo più ampio e strategico obiettivo.

Il Consiglio ha esaminato la Relazione presentata dall'ex Commissario europeo António Vitorino sulle 'Raccomandazioni risultanti dalla mediazione sui prelievi per copia privata e riproduzione'. Vitorino è stato incaricato dal Commissario UE responsabile per il Mercato Interno e i Servizi Finanziari, Michel Barnier, di individuare le possibili misure in materia di amministrazione dei compensi destinati ai titolari dei diritti al fine di verificare le condizioni per un eventuale intervento legislativo organico a livello UE.

Vitorino nell’illustrare la Relazione, ha sottolineato il tema del cambiamento dei "modelli di business" indotto dallo sviluppo delle tecnologie digitali on line ("ciò che conta oggi è l’accesso e non più la proprietà dei contenuti") e la necessità di evitare doppie remunerazioni a carico degli utenti finali.

Secondo Vitorino, i prelievi di copia privata dovrebbero essere raccolti nel Paese in cui risiede il consumatore finale direttamente da parte dei rivenditori al dettaglio, e non più dai fabbricanti o importatori, ed essere resi visibili allo stesso consumatore senza essere applicati agli utenti professionali.

L'Italia già applica un modello di copia privata che rispecchia gran parte delle Raccomandazioni espresse da Vitorino. Si tratta di un sistema normativo condiviso sia dai titolari dei diritti, sia dai fruitori, strettamente aderente alla normativa europea e internazionale in materia e coerente con tutta la giurisprudenza della Corte di Giustizia europea che si è progressivamente pronunciata in materia. Nelle prossime settimane la Commissione sarà chiamata a decidere che tipo di seguito assicurare alle Raccomandazioni dell’ex Commissario Vitorino.

Nel corso della riunione è stato presentato un aggiornamento su due temi sempre inerenti la 'modernizzazione del diritto d'autore': la Comunicazione della Commissione sui contenuti del mercato unico digitale e la proposta di direttiva sulla gestione collettiva dei diritti d'autore e dei diritti connessi e sulla concessione di licenze multiterritoriali per i diritti su opere musicali per l'uso on line nel mercato interno.


Per saperne di più:
Modernizzazione degli aiuti di Stato
Diritto d'autore: relazione di Antonio Vitorino [.pdf]
Diritto d'autore: la 'copia privata
Comunicazione della Commissione sui contenuti del mercato unico digitale
Proposta di direttiva sulla gestione collettiva dei diritti d'autore

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati