Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Servizi pubblici, maggiori controlli su aiuti più rilevanti

Servizi pubblici, maggiori controlli su aiuti più rilevanti

8 marzo 2012Parole chiave: ,
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Convegno sui Servizi Pubblici - 7 marzo 2012Tutti gli enti pubblici devono pubblicare l'elenco dei regimi di aiuto di Stato esistenti da adeguare alle nuove normative europee entro il 31 gennaio 2013 e da quel momento avranno un anno a disposizione per conformare effettivamente il regime di aiuti alle regole stabilite dalla Commissione UE.

E' quanto ribadito ieri a Roma nel corso del convegno "Le nuove regole europee sui servizi pubblici: il pacchetto aiuti di Stato e la disciplina del public procurement" organizzato dal Dipartimento Politiche Europee e Assonime.

Il nuovo pacchetto di regole adottato dalla Commissione europea il 20 dicembre 2011 riforma il quadro normativo sugli aiuti di Stato per i servizi di interesse economico generale (SIEG), finora regolamentato dal cosiddetto "pacchetto Monti-Kroes" del luglio 2005, e punta a semplificare il sistema quando gli aiuti sono meno rilevanti e rendere, invece, i controlli più stringenti in concomitanza con aiuti di dimensioni più importanti.

I primi effetti delle nuove regole si fanno già sentire perchè dal 1 febbraio 2012 sono già in vigore due strumenti previsti dal pacchetto: la decisione di esenzione e la disciplina.

La decisione di esenzione abbassa la soglia di notifica per le operazioni (da 30 a 15 milioni di Euro l'anno) e individua altri settori da esentare dall'obbligo di notifica alla Commissione (come l'assistenza sanitaria, i servizi per l'infanzia, l'accesso e reintegrazione nel mercato del lavoro). La disciplina introduce invece regole più stringenti sui servizi di importo rilevante per quanto riguarda la notifica e la compatibilità delle compensazioni in base alle nuove regole. Il primo passo, quindi, è la pubblicazione entro il 31 gennaio del prossimo anno dei regimi di aiuto in corso sui siti degli enti pubblici interessati e il successivo adeguamento entro il 31 gennaio 2014.

Convegno sui Servizi Pubblici - 7 marzo 2012E' infine previsto a breve l'adozione di un nuovo regolamento de minimis specifico per i SIEG (500.000 euro su tre anni per impresa) che intende semplificare le norme relative alle compensazioni di importo minore A questo pacchetto di regole si accompagna anche la proposta di nuove direttive in materia di appalti pubblici, che insieme alla proposta sulle concessioni, andranno a completare il quadro di riferimento europeo in materia di servizi pubblici.

Le nuove regole avranno impatti importanti sulle economie nazionali tenuto conto che i settori interessati sono i trasporti (marittimo ed aereo), le poste ma anche la gestione dei rifiuti, l'acqua, l'energia. In Italia, il servizio pubblico locale - secondo i più recenti dati - ha un fatturato di 35 miliardi di euro, pari a quasi il 3% del Pil. Per questo motivo, il nuovo "pacchetto" può realmente rappresentare una opportunità di rilancio del sistema nazionale nonchè un miglioramento complessivo della qualità dei servizi offerti e  una riduzione dei costi per effetto di gestioni più efficienti.


Per saperne di più:
Atti del convegno

Rassegna stampa:
Servizi pubblici: più concorrenza con nuove norme su aiuti di Stato - Articolo di Euractiv.it

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati