Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Riconoscimento in base al Sistema Generale

Riconoscimento in base al Sistema Generale

27 febbraio 2012Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

(approfondimento sulla proposta di revisione della direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali)


La valutazione d'impatto condotta dalla Commissione ha fatto ritenere opportuno mantenere i livelli di qualifica previsti dall'attuale articolo 11, ma solo come punti di riferimento per la comparazione delle qualifiche, non per valutare se accogliere o meno una richiesta di riconoscimento ai sensi della direttiva. L'unica eccezione introdotta riguarda le persone le cui qualifiche sono basate sull'esperienza professionale qualora richiedano l'accesso ad una professione che nello Stato membro ospitante preveda il possesso di un diploma universitario. Gli Allegati II e III sono stati eliminati. La formazione regolamentata e la formazione professionale, e i relativi livelli in base all'articolo 11, sono certificate dallo Stato membro di origine.

Per la comparazione delle qualifiche, oltre all'esperienza professionale va presa in considerazione anche l'eventuale formazione permanente. Entrambe possono essere state effettuate o ottenute in un qualsiasi Stato membro e non necessariamente, come previsto attualmente per l'esperienza professionale, nello Stato membro di origine.

Se applicabili nello Stato membro di origine, la presentazione di ECTS crediti è equivalente agli anni di formazione universitaria richiesti.

Le richieste di tirocinio di adattamento o di prova attitudinale vanno adeguatamente motivate in base a criteri specifici. I test attitudinali devono essere organizzati almeno due volte l'anno.

La Commissione, a seguito della sentenza della Corte di giustizia (Cause C-47/08, C-51/08, C-52/08, C-53/08, C-54/08 e C-61/08), pur tenendo conto della specificità della professione e distinguendo tra libera prestazione di servizi e stabilimento), ha indicato espressamente che i notai rientrano nel campo di applicazione della direttiva.


inizio pagina Torna alla pagina iniziale

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati