Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Requisiti minimi di formazione

Requisiti minimi di formazione

27 febbraio 2012Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

(approfondimento sulla proposta di revisione della direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali)


Per quanto riguarda le professioni settoriali e i requisiti minimi di formazione, la Commissione segnala l'esigenza di garantire maggiore trasparenza soprattutto al fine di aumentare la mobilità dei professionisti interessati.

In tal senso, si propone di inserire in direttiva l'obbligo per gli Stati membri di notificare alla Commissione europea eventuali modifiche legislative o regolamentari che creano nuovi programmi formativi che portano ad una qualifica professionale oppure modificano quelli già esistenti.

In questa stessa prospettiva, ogni Stato membro dovrà individuare una Autorità competente deputata a riferire alla Commissione circa la conformità di tali programmi ai requisiti di formazione previsti in direttiva.

Particolare risonanza, poi, viene data all'inserimento in direttiva dei crediti ECTS, utilizzabili come criteri di confronto per valutare la durata delle formazioni universitarie.

Relativamente alle singole professioni settoriali si segnalano di seguito le novità maggiormente significative:

  1. Per i medici, la Commissione propone di inserire nella nuova direttiva la possibilità che gli Stati membri possano accordare una "esenzione parziale" sulla formazione a coloro i quali intendano specializzarsi in una nuova materia ma che già siano in possesso di alcuni elementi formativi della stessa acquisiti in un altro corso di specializzazione;
  2. Per le infermiere e per le ostetriche la proposta di modifica prevede di aggiornare le relative formazioni innalzando gli anni di studio richiesti per l'ammissione alla formazione stessa da 10 a 12;
  3. Per la professione di architetto la Commissione propone di aggiornare la durata della formazione integrandola anche con l'esperienza professionale sotto la supervisione di un qualificato professionista: la durata minima della formazione di architetto dovrebbe essere quindi di almeno 6 anni (di cui due di tirocinio retribuito oppure 5 di formazione più un sesto di tirocinio retribuito);
  4. Per la professione di farmacista la Commissione propone di aggiornare e estendere le attività possibili e di eliminare il divieto di apertura di nuove farmacie attualmente previsto dall'articolo 21 par 4 della direttiva 2005/36/CE.


inizio pagina Torna alla pagina iniziale

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati