Vai direttamente ai contenuti

EN FR

Modulo ricerca nel sito

sei in: Home | Attività | Aiuti di Stato a finalità regionale, riunione di coordinamento

Aiuti di Stato a finalità regionale, riunione di coordinamento

30 gennaio 2012Parole chiave:
  • Segnala presso:
  • Delicious
  • Diggit
  • Facebook
  • Google
  • OKNOtizie
  • Technorati
  • My Yahoo

Si riunisce il 13 febbraio alle ore 10,00 presso il Dipartimento il tavolo di coordinamento con le amministrazioni centrali, regionali, e i rappresentanti delle autorità locali e delle parti economiche e sociali.  

Al centro della riunione, la consultazione pubblica sulla revisione delle normative europee in materia di aiuti di Stato a finalità regionale lanciata dalla Commissione UE il 24 gennaio 2012. La consultazione si chiuderà il prossimo 26 aprile.

In deroga al divieto generale di concedere aiuti di Stato, il trattato sul funzionamento dell'Unione Europea (TFUE) prevede, all'articolo 107, paragrafo 3, lettere a) o c), che gli aiuti di Stato destinati a promuovere lo sviluppo regionale, possono, a talune condizioni, considerarsi compatibili con il mercato interno. I criteri di compatibilità che tali aiuti devono soddisfare sono stabiliti dalla Commissione europea e figurano in diversi testi:

  • gli orientamenti in materia di aiuti di Stato a finalità regionale 2007-2013, che fissano le disposizioni in base alle quali  possono essere considerati compatibili con il mercato interno gli aiuti di Stato notificati destinati a favorire lo sviluppo economico di determinate zone svantaggiate all'interno dell'Unione Europea;
  • la comunicazione della Commissione relativa ai criteri per una valutazione dettagliata degli aiuti regionali destinati ai grandi progetti di investimento;
  • le pertinenti disposizioni  del regolamento (CE) n. 800/2008, del 6 agosto 2008, che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato comune in applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato (regolamento generale di esenzione per categoria,) il quale fissa, tra l'altro, le condizioni alle quali gli aiuti di Stato a finalità regionale sono considerati compatibili con il mercato interno senza necessità di notifica preventiva alla Commissione.


Gli orientamenti e il regolamento generale scadono il 31 dicembre 2013. In questo contesto, la consultazione pubblica offre alle parti interessate l'opportunità di inviare contributi alla Commissione in una fase precoce del processo decisionale. 

La Commissione esaminerà l'esito della consultazione prima di decidere entro che limiti è necessario apportare modifiche alla normativa in vigore e presentare, se opportuno, una proposta di modifica.

Il Dipartimento Politiche Europee ha già avviato, d'intesa con il Dipartimento per le Politiche di Coesione, l'attività di coordinamento al fine di elaborare la risposta italiana alla consultazione pubblica avviata dalla Commissione.

La riunione, convocata per il 13 febbraio 2012 alle ore 10, si svolge presso la sede del Dipartimento (Piazza Nicosia, 20).

Le parti interessate e invitate alla riunione sono pregate di confermare la loro partecipazione inviando una mail di conferma al seguente indirizzo di posta elettronica:
m.coda@palazzochigi.it

Per saperne di più:
Consultazione della Commissione europea
Approfondimento sugli aiuti di Stato a finalità regionale

Dipartimento Politiche Europee

Presidenza del Consiglio dei Ministri

2009 © Tutti i diritti riservati